Con sentenza n. 14555 del 14 luglio u.s., il Tribunale di Roma ha rigettato la domanda di risarcimento del danno formulata dal MOIGE – Movimento Italiano Genitori ONLUS nei confronti di Wikimedia Foundation Inc. per la mancata rimozione di contenuti diffamatori dall’enciclopedia online “a contenuto aperto” Wikipedia, di cui la società convenuta è proprietaria e gestore.
Ritenuto superfluo l’esame sulla diffamatorietà dei contenuti segnalati, la pronuncia si incentra sulle specifiche modalità operative del c.d. modello di sviluppo “Wiki”, giudicando neutrale il ruolo dell’Hosting Provider in questione (con espressa distinzione rispetto al Content Provider) e dichiarandone, quindi, l’assenza di responsabilità.
L’attività di Wikimedia si limiterebbe – secondo il Tribunale – ad offrire ospitalità, nello spazio virtuale e con gli strumenti tecnici dalla stessa messi a disposizione, ad informazioni caricate dal pubblico degli utenti, senza operare alcun controllo preventivo o verifica successiva dell’eventuale illiceità dei contenuti immessi.
La compilazione delle voci enciclopediche direttamente ad opera degli utenti escluderebbe – sempre secondo la pronuncia – l’obbligo di garanzia di verità e validità dei loro contenuti. Ciò troverebbe “il suo bilanciamento nella possibilità lasciata a chiunque di modificarne i contenuti e chiederne la cancellazione”. Anche se, nel caso di specie, questo non è stato possibile.

Articoli recenti

Corte di Giustizia UE (causa C-263/18): si torna sul tema della differenza tra diritto di distribuzione e diritto di comunicazione al pubblico di opere protette

Articolo di Priscilla Casoni Attraverso le proprie conclusioni presentate lo scorso 10 settembre, relative alla causa C-263/18 pendente davanti alla Corte di Giustizia dell’Unione europea, l’Avv. Generale Szpunar ha analizzato il tema della differenza fra diritto di distribuzione ed diritto di comunicazione al...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

La Corte di Giustizia ridefinisce gli obblighi di stay down degli hosting provider: Facebook deve rimuovere tutti i contenuti illeciti “identici” ed “equivalenti” indipendentemente dall’identità dell’autore della violazione e su scala mondiale

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 3 ottobre 2019, la CGUE ha deciso la causa C-18/18 (avevamo già dato atto del parere dell’Avvocato Generale qui). I FATTI Il 3 aprile 2016, un utente di Facebook ha condiviso, sulla sua pagina personale, un...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere