Françoise Castex, vice-presidente della Commissione Giuridica del Parlamento Europeo, ha presentato alla Commissione il Rapporto sulla copia privata, frutto di un lavoro volto a modernizzare e implementare in maniera sostenibile il sistema di riscossione del compenso per copia privata in relazione a modelli di consumo delle opere dell’ingegno.

La relazione individua gli elementi di cui occorre tener conto nell’adeguamento dell’attuale sistema proponendo, in primo luogo e in considerazione dell’evolversi della tecnologia, l’aggiornamento della lista di “device” ai quali applicare la royalty.

La SIAE unitamente alle altre associazioni degli autori e degli interpreti ed esecutori europee hanno espresso in un comunicato congiunto la loro approvazione per il lavoro svolto.

 

 

Fonte: SIAE.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere