Il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, in audizione alla commissione trasporti della Camera, si è così espresso in merito ai cosiddetti Over The Top (Google, Yahoo, Netflix ecc.) “Mediaset negli ultimi dieci anni ha investito 20 miliardi di euro nell’industria dei contenuti. I broadcaster sono coloro che, a livello europeo, producono l’80% del totale prodotto originale. E, a differenza di altre piattaforme, tutto il contenuto da essi trasmesso è licenziato legalmente. Solo a titolo di riconoscimento di diritti d’autore a Siae e Imaie, per musica e opere audiovisive, Mediaset versa oltre 60 milioni di euro all’anno. Gli Ott, invece, si sono affermati trasportando massicce quantità di documenti illegali, ma Google e quelli come Google non sono editori e non svolgono attività editoriali, limitandosi, a ospitare contenuti postati sulla rete da altri. In questo modo”, sottolinea il presidente di Mediaset, “sfuggono alle norme europee sui Servizi media audiovisivi, e si nascondono, invece, dietro la direttiva europea sull’e-commerce”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere