Chi reclama il diritto di chiedere la rimozione delle informazioni che lo riguardano dai siti internet e dai motori di ricerca deve poter adire il Garante della privacy, oltre che il giudice, anche per deflazionare il contenzioso in tribunale”. E’ la dichiarazione di Antonello Soro, che immagina così un doppio binario di tutela giurisdizionale – amministrativa, in audizione alla commissione Giustizia della Camera sulla proposta di legge in materia di diffamazione.

Alla rimozione dei dati dovrebbe «affiancarsi l’integrazione di quelli inesatti perché superati dagli eventi successivi, la loro rettifica e la deindicizzazione di quelli veritieri ma ormai risalenti. Tra le possibili soluzioni (rimozione, integrazione della notizia e deindicizzazione), quest’ultima è certamente la meno limitativa del diritto di informazione, in quanto preserva, nella sua integrità, la pubblicazione della notizia sul sito-sorgente, ma ne impedisce l’indiscriminata reperibilità in rete».

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere