Rimane salva la libertà di scattare fotografie di edifici, opere e luoghi pubblici, nonché di pubblicare e riprodurre le suddette immagini senza dover richiedere l’autorizzazione ai titolari dei diritti.
Il Parlamento europeo, infatti, il 9 luglio scorso, ha eliminato la proposta che subordinava l’uso commerciale delle immagini scattate in luoghi pubblici – il cd photosharing – alla richiesta di autorizzazione preventiva.
Il documento votato, che ora passa alla Commissione la quale dovrà presentare una proposta entro la fine dell’anno, oltre ad affrontare il delicato tema della limitazione del diritto d’autore, si occupa anche di concessione al pubblico di opere in formato digitale (con il diritto al prestito degli e-book), di licenze territoriali per la produzione audiovisiva e cinematografica, della libertà per gli editori di tassare chi linka i propri contenuti.

Articoli recenti

Giudizio di confondibilità tra marchi simili: principio di effettività nell’utilizzo del marchio e rilevanza del livello di attenzione meno elevato tra il pubblico di riferimento

Articolo di Silvia Perra   Con decisione resa in data 19 settembre 2019 nel procedimento T-359/18 il Tribunale dell’Unione Europea è stato investito di una controversia avente ad oggetto il giudizio di confondibilità tra due marchi: , marchio registrato in Italia nella classe...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

Le linee guida della Commissione Europea per l’implementazione dell’art. 17, paragrafo 4, della nuova Direttiva europea sul Copyright nel DSM (Direttiva 790/2019)

Articolo di Alessandro La Rosa Come noto, l’art. 17 della nuova direttiva sul copyright nel mercato unico digitale ha espressamente previsto che la Commissione europea, in cooperazione con gli Stati membri, organizzi dialoghi tra le parti interessate per discutere le migliori prassi per la...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere