Lo scorso 4 maggio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea  il nuovo Regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali, che si pone l’ambizioso obiettivo di assicurare – in tema di privacy – una disciplina uniforme ed armonizzata tra tutti gli Stati membri, con una maggiore responsabilizzazione per le imprese ed, al contempo, significative semplificazioni sugli adempimenti.

Il Regolamento è entrato in vigore il 25 maggio 2016; tuttavia, come recita il proprio art. 99, “esso si applica a decorrere dal 25 maggio 2018” (data a partire dalla quale sarà abrogata l’attuale direttiva 95/46/CE e dalla quale andrà definitivamente in pensione il nostro D. Lgs. n. 196/2003), assegnando così due anni di tempo a tutti i soggetti coinvolti per adeguarsi ed, ai singoli Stati membri, per adottare gli atti normativi necessari a garantire il perfetto allineamento tra la normativa nazionale e le disposizioni del Regolamento.

Soprattutto per i soggetti che – come le imprese – trattano un’ingente mole di dati personali, sorge quindi l’esigenza di verificare la compatibilità delle procedure adottate alle nuove norme del Regolamento, anche alla luce delle pesanti sanzioni previste per i trasgressori, che potranno essere condannati al pagamento di importi fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere