Una nuova puntata nella querelle tra Google e la Commission nationale de l’informatique et des libertés (CNIL), l’equivalente francese del nostro Garante Privacy: Google ha pubblicato un comunicato stampa dove dichiara di aver presentato appello presso la Suprema Corte amministrativa francese ed il Consiglio di Stato, al fine di rivedere la decisione della CNIL che tanto aveva fatto discutere negli anni scorsi.

Nella specie, la CNIL nel 2014 aveva raccomandato a Google di estendere globalmente l’applicazione del diritto all’oblio a tutte le versioni del motore di ricerca, con lo scopo di permettere ai cittadini francesi il diritto di deindicizzare su scala globale link relativi ad informazioni sensibili che li riguardassero, non solo in Francia.

Dopo il fermo diniego di Google, la Commissione aveva persino comminato al motore di ricerca una multa pari a € 100.000,00.

La multinazionale americana afferma che, diversamente ragionando, si correrebbe il rischio di applicare norme che –implicando rilevanza anche penale ad atti e comportamenti tenuti dai cittadini in un dato Paese- si estenderebbero a Paesi diversi dove invece quel dato comportamento è invece lecito.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere