Dal 1 gennaio 2014 entrerà in vigore “Siac”, una piattaforma informatica gestita dalla Guardia di Finanza, che renderà possibile riconoscere i prodotti contraffatti grazie ad un’area riservata, in cui i produttori potranno inserire dati, foto e caratteristiche tecniche dei prodotti tutelati dal diritto d’autore.
Ogni volta che sarà effettuato un sequestro sarà possibile per le forze dell’ordine un confronto immediato tra la merce in custodia e l’originale, quindi poter subito chiedere perizie tecniche sull’originalità della merce sequestrata.

Con questo software si crea, pertanto, un network tra operatori,  Ministeri, Forze dell’ordine ed  autorità doganali europee al fine di aumentare i controlli e cercare di arginare gli enormi danni economici e commerciali causati dal commercio di falsi.

Fonte: www.ilsole24ore.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere