Il Consiglio dei Ministri ha approvato negli scorsi giorni il decreto legislativo con cui la tutela del diritto d’autore di produttori di fonogrammi, artisti, esecutori, interpreti musicali e società di gestione collettive che li rappresentano viene estesa da 50 a 70 anni.

L’obiettivo della norma – che recepisce quanto stabilito a livello comunitario dalla Direttiva 77/2011 – è quello di tutelare gli autori proprio in un periodo della vita in cui il loro reddito potrebbe subire un calo.

Con lo stesso decreto viene poi concessa ad artisti, esecutori e interpreti la facoltà di riappropriarsi dei diritti sull’opera qualora, trascorsi 50 anni dalla prima pubblicazione, il soggetto che li ha acquistati non metta in vendita un numero di copie definito “sufficiente”.

 

Fonte: Puntinformatico.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere