Il Tribunale federale australiano ha deciso che sei Internet Service Provider dovranno fornire ai detentori dei diritti del film Dallas Buyers Club i nomi e gli indirizzi di quasi cinquemila persone che negli ultimi mesi hanno scaricato illegalmente la pellicola e ne hanno condiviso il file, aumentandone in modo esponenziale la riproduzione illecita.

La Corte ha chiarito che i dati degli utenti dovranno essere usati per ottenere un risarcimento per la violazione del copyright. Tra gli ISP chiamati in causa c’è anche iiNet che ha commentato la decisione della Corte come una violazione della privacy e affermando che i provider non sono responsabili per i download degli utenti.

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere