Non si chiude la vicenda Hacking Team. L’azienda italiana di sicurezza informatica ammette che a seguito dell’attacco hacker avvenuto qualche giorno fa i propri software sono “fuori controllo” con il rischio – oggi diventato realtà – che vengano diffuse notizie strettamente riservate.

L’ultimo attacco proviene proprio da Wikileaks, piattaforma che già in passato non aveva risparmiato la società italiana esperta di software e sistemi di spionaggio, la quale ha pubblicato migliaia di e-mail aziendali riservate colpendo dai servizi segreti a nomi illustri della scena politica italiana.

Nei 400 gigabyte sottratti, spiccano anche clamorose indiscrezioni quali sentenze della Corte costituzionale ovvero rapporti tra il Governo italiano e gli Stati esteri.

Una fuga di notizie incontrollata che, oltre a costituire una grave violazione della privacy, facendo preoccupare i vertici dello stesso Hacking Team, fa temere anche le istituzioni ed i servizi segreti italiani per il tenore delle informazioni che potrebbero essere divulgate.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere