Un hacker ha preso di mira gli utenti cinesi di iCloud.

La tipologia di attacco si chiama “man in the middle” e punta a sottrarre agli utenti username e password, in modo da avere accesso ai dati archiviati su iCloud. In pratica, gli hacker dirottano gli utilizzatori su un falso sito, identico a quello di Apple, e rubano numero di utenza e password ottenendo libero accesso ad un numero ingente di documenti archiviati.

Secondo Greatfire.org, gruppo che monitora la censura cinese del web, dietro l’attacco potrebbe esserci proprio il governo di Pechino, non sarebbe un caso – ad esempio – che  sia avvenuto lo scorso 17 ottobre, giorno del lancio dell’iPhone6 nel Paese. Secondo Greatfire.org l’incremento della crittografia dello smartphone, presumibilmente volto ad evitare infiltrazioni da parte della Nsa, ha reso più difficile l’accesso anche alle autorità cinesi, provocandone così la reazione.

Il governo cinese, tramite la portavoce del ministero degli Esteri, ha fermamente smentito le accuse.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere