Si è riunito ieri a Roma il Comitato Consultivo formato da Google a seguito della nota sentenza del maggio scorso con cui la Corte di Giustizia dell’Unione Europea, pronunciandosi sul cosiddetto “diritto all’oblio”, ha ritenuto sussistente la responsabilità diretta del motore di ricerca per l’indicizzazione di notizie e informazioni lesive della privacy, pubblicate su pagine web facenti capo a soggetti terzi.

Finora sono 120.000 le richieste di cancellazione giunte al motore di ricerca da tutta l’Europa; il presidente esecutivo, Eric Schmid, aprendo il dibattito, ha dichiarato che Google si impegnerà a rispettare la sentenza.

Quello di ieri è stato il secondo dei sette incontri che Google ha promosso in diverse città europee per raccogliere le opinioni e i pareri sul tema. La prossima tappa in programma è Parigi.

Articoli recenti

Giudizio di confondibilità tra marchi simili: principio di effettività nell’utilizzo del marchio e rilevanza del livello di attenzione meno elevato tra il pubblico di riferimento

Articolo di Silvia Perra   Con decisione resa in data 19 settembre 2019 nel procedimento T-359/18 il Tribunale dell’Unione Europea è stato investito di una controversia avente ad oggetto il giudizio di confondibilità tra due marchi: , marchio registrato in Italia nella classe...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

Le linee guida della Commissione Europea per l’implementazione dell’art. 17, paragrafo 4, della nuova Direttiva europea sul Copyright nel DSM (Direttiva 790/2019)

Articolo di Alessandro La Rosa Come noto, l’art. 17 della nuova direttiva sul copyright nel mercato unico digitale ha espressamente previsto che la Commissione europea, in cooperazione con gli Stati membri, organizzi dialoghi tra le parti interessate per discutere le migliori prassi per la...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere