Il 1° ottobre 2016 è entrato in vigore il “Codice di deontologia e di buona condotta per il trattamento dei dati personali effettuato a fini di informazione commerciale”, promosso dal Garante per la protezione dei dati personali e redatto insieme a varie associazioni di categoria, imprenditoriali e dei consumatori interessate. Da questo momento le società che offrono informazioni sull’affidabilità commerciale di imprenditori e manager devono conformare il trattamento dei dati personali a quanto previsto dal Codice deontologico. Tali società potranno raccogliere dati solo da fonti pubbliche o direttamente dall’interessato, i dossier dovranno essere sempre aggiornati e la conservazione dei dati avrà precisi limiti temporali. Qualunque trattamento di dati personali per finalità di informazione commerciale non conforme sarà considerato illecito. L’obiettivo è quello di garantire il corretto utilizzo di banche dati e strumenti di analisi, nel rispetto della dignità e della riservatezza delle persone.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere