Il 1° ottobre 2016 è entrato in vigore il “Codice di deontologia e di buona condotta per il trattamento dei dati personali effettuato a fini di informazione commerciale”, promosso dal Garante per la protezione dei dati personali e redatto insieme a varie associazioni di categoria, imprenditoriali e dei consumatori interessate. Da questo momento le società che offrono informazioni sull’affidabilità commerciale di imprenditori e manager devono conformare il trattamento dei dati personali a quanto previsto dal Codice deontologico. Tali società potranno raccogliere dati solo da fonti pubbliche o direttamente dall’interessato, i dossier dovranno essere sempre aggiornati e la conservazione dei dati avrà precisi limiti temporali. Qualunque trattamento di dati personali per finalità di informazione commerciale non conforme sarà considerato illecito. L’obiettivo è quello di garantire il corretto utilizzo di banche dati e strumenti di analisi, nel rispetto della dignità e della riservatezza delle persone.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere