196 ispezioni, 2 milioni e mezzo di euro riscossi a seguito delle sanzioni comminate e 24 segnalazioni all’autorità giudiziaria: è questo il bilancio dell’attività svolta dal Garante della Privacy nei primi sei mesi dell’anno.

Particolarmente rilevante è stata l’attività ispettiva effettuata sul web al fine di verificare il livello di protezione dei dati personali che transitano in rete e, quindi, il grado di sicurezza delle comunicazioni elettroniche nel nostro Paese. Nello specifico sono stati oggetto di indagine i siti di e-commerce ma anche le App Mediche e gli strumenti di mobile payment.

Ciò che è emerso è soprattutto lo scarso livello di informazione fornito agli utenti sull’uso dei dati personali e ciò non solo da parte dei privati ma anche della pubblica amministrazione

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere