A quattro anni di distanza dalle dichiarazioni con cui sosteneva che la privacy, come norma sociale, era in via di estinzione, Mark Zuckerberg – fondatore del più noto fra i social network – sembra aver rivisto almeno in parte la propria posizione.

Da qualche giorno Facebook ha infatti inserito nel portale uno strumento attraverso il quale gli utenti saranno agevolati nel controllare e rivedere le proprie impostazioni di privacy. Il nuovo strumento permette di verificare il pubblico a cui sono indirizzati i contenuti che si postano, le app che si usano, nonché gestire le impostazioni di privacy per alcune informazioni chiave presenti sul proprio profilo. L’obiettivo del “check-up” è quello di offrire la possibilità di rivedere in modo veloce le proprie impostazioni di privacy e, nel caso, intervenire.

La mossa arriva dopo che negli anni l’azienda è incappata in vari passi falsi sul tema ed è entrata nel mirino delle authority nazionali sulla riservatezza dei dati. Facebook sembra inoltre aver preso atto della sempre maggiore attenzione che gli utenti riservano al proprio diritto alla riservatezza.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere