A quattro anni di distanza dalle dichiarazioni con cui sosteneva che la privacy, come norma sociale, era in via di estinzione, Mark Zuckerberg – fondatore del più noto fra i social network – sembra aver rivisto almeno in parte la propria posizione.

Da qualche giorno Facebook ha infatti inserito nel portale uno strumento attraverso il quale gli utenti saranno agevolati nel controllare e rivedere le proprie impostazioni di privacy. Il nuovo strumento permette di verificare il pubblico a cui sono indirizzati i contenuti che si postano, le app che si usano, nonché gestire le impostazioni di privacy per alcune informazioni chiave presenti sul proprio profilo. L’obiettivo del “check-up” è quello di offrire la possibilità di rivedere in modo veloce le proprie impostazioni di privacy e, nel caso, intervenire.

La mossa arriva dopo che negli anni l’azienda è incappata in vari passi falsi sul tema ed è entrata nel mirino delle authority nazionali sulla riservatezza dei dati. Facebook sembra inoltre aver preso atto della sempre maggiore attenzione che gli utenti riservano al proprio diritto alla riservatezza.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere