La Bundesgerichtshof (Corte di Giustizia Federale tedesca), in ultimo grado di giudizio, ha condannato Facebook per violazione del diritto alla privacy dichiarando illecita la funzione friend finder del social network. Si tratta, infatti, di un’opzione che permette a Facebook di accedere autonomamente ai contatti del singolo utente utilizzando e-mail e numeri di telefono raccolti, per inviare messaggi di invito ad aderire al social network, senza prevedere per i non iscritti alcun regime di opt out rispetto a questa pratica. I giudici tedeschi, riprendendo le decisioni già adottate dai tribunali tra il 2012 e il 2014, l’hanno configurata come “molestia pubblicitaria” così come denunciato dalle organizzazioni dei consumatori tedeschi (VZBV).

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere