La normativa nazionale in tema di IVA recepisce la relazione Com (2014) 380 della Commissione Ue sulla tassazione dei servizi elettronici di e-commerce.

Il risultato, in sintesi, è che per tutti i servizi elettronici resi da soggetti stabiliti in Italia, o aventi una stabile organizzazione in Italia, nei confronti di privati consumatori comunitari, sia nell’ambito del Moss (Mini one stop shop) che al di fuori del regime speciale, è previsto l’esonero dall’emissione della fattura.

Ancora non è chiaro, però, se l’esonero sia da intendere esteso anche all’emissione di scontrino o ricevuta fiscale.

Ciò che è sicuro è che, al pari delle movimentazioni finanziarie, tali operazioni dovranno in ogni caso essere annotate nel registro dei corrispettivi per poi essere riepilogate nella dichiarazione annuale.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere