La normativa nazionale in tema di IVA recepisce la relazione Com (2014) 380 della Commissione Ue sulla tassazione dei servizi elettronici di e-commerce.

Il risultato, in sintesi, è che per tutti i servizi elettronici resi da soggetti stabiliti in Italia, o aventi una stabile organizzazione in Italia, nei confronti di privati consumatori comunitari, sia nell’ambito del Moss (Mini one stop shop) che al di fuori del regime speciale, è previsto l’esonero dall’emissione della fattura.

Ancora non è chiaro, però, se l’esonero sia da intendere esteso anche all’emissione di scontrino o ricevuta fiscale.

Ciò che è sicuro è che, al pari delle movimentazioni finanziarie, tali operazioni dovranno in ogni caso essere annotate nel registro dei corrispettivi per poi essere riepilogate nella dichiarazione annuale.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere