Le Autorità europee a tutela della privacy, tramite l’organismo dell’Article 29 Working Party, hanno deciso di concedersi un anno di tempo per verificare l’efficacia reale del Privacy Shield.

Il nuovo accordo siglato a tutela del trattamento dei dati personali nei rapporti transatlantici Usa-UE, che sostituisce il Safe Harbor, è stato accolto con non pochi dubbi dalle Autorità garanti della Privacy nonostante l’approvazione della Commissione europea.

Tra le novità che destano più preoccupazione vi è l’istituzione di una nuova figura intesa come difensore civico preposto a giudicare su eventuali abusi circa il trattamento dei dati personali degli utenti.

Un anno di tempo, quindi, per rilevare eventuali difetti del sistema instaurato, nonché per verificare l’impatto che una tale intesa può avere sugli equilibri e gli scambi commerciali, in particolare, per le grandi corporation a scapito dei consumatori e degli utenti.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere