Cresce la preoccupazione per la riservatezza dei nostri dati on-line.

Stando infatti a quanto riferito nei giorni scorsi dal Washington Post, l’Agenzia nazionale per la sicurezza americana (NSA) starebbe predisponendo un computer, decisamente più veloce di quelli tradizionali, in grado di decriptare qualsiasi genere di codice utilizzato per proteggere i dati bancari, sanitari e governativi.

A destare preoccupazione è soprattutto il non poter escludere che in futuro anche privati siano in grado di elaborare sistemi analoghi.

Fonte: AGI.it

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere