Cresce la preoccupazione per la riservatezza dei nostri dati on-line.

Stando infatti a quanto riferito nei giorni scorsi dal Washington Post, l’Agenzia nazionale per la sicurezza americana (NSA) starebbe predisponendo un computer, decisamente più veloce di quelli tradizionali, in grado di decriptare qualsiasi genere di codice utilizzato per proteggere i dati bancari, sanitari e governativi.

A destare preoccupazione è soprattutto il non poter escludere che in futuro anche privati siano in grado di elaborare sistemi analoghi.

Fonte: AGI.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere