L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha inviato al Parlamento ed al Governo alcune osservazioni in merito all’attuazione della Direttiva 2014/26/UE del Parlamento europeo e del Consiglio sulla “gestione collettiva dei diritti d’autore e dei diritti connessi e sulla concessione di licenze multiterritoriali per i diritti su opere musicali per l’uso online del mercato interno”.

In particolare, l’Autorità, auspica che il recepimento di tale direttiva consenta l’apertura del mercato di gestione del diritto d’autore, soprattutto quello relativo alla musica online, ad una molteplicità di operatori, superando così l’attuale monopolio della SIAE.

Il nucleo della Direttiva – ricorda l’Antitrust nella sua segnalazione – è costituito dalla libertà di scelta. In virtù di tale principio è riconosciuto ai titolari dei diritti la facoltà di individuare un organismo di gestione collettiva (…) indipendentemente dallo Stato membro di nazionalità, di residenza o di stabilimento dell’organismo di gestione collettiva o del titolare dei diritti (…)”

L’Autorità ha infatti espresso il suo dissenso ad una disciplina nazionale inadeguata ai cambiamenti tecnologici ed alle nuove prospettive di utilizzo delle opere che si estendono anche al mercato online, auspicando  un “adeguato livellamento del playing field che riguardi il complesso degli operatori comunitari senza tenere conto dei confini nazionali”.

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere