Il Tribunale di Bergamo, con sentenza del 17.12.2013, ha accertato la violazione del diritto al nome ed alla reputazione di un’associazione umanitaria la cui denominazione ed il cui logo erano stati reiteratamente utilizzati all’interno di un sito internet finalizzato ad agevolare incontri e conoscenze a sfondo erotico per incentivare le sottoscrizioni ai servizi offerti.

Il giudice ha accolto le domande proposte dall’associazione e ha condannato la convenuta al risarcimento dei danni patrimoniali e non lamentati dall’attrice, censurando allo stesso tempo la condotta dell’ISP per aver ritardato l’eliminazione dal sito internet dei contenuti pregiudizievoli.

Parte attrice, infatti, aveva inviato apposita diffida allegando il provvedimento sanzionatorio – nel frattempo emesso dall’AGCM – di eliminazione dei contenuti illeciti dal sito. Secondo il tribunale, tale comunicazione ha consentito all’ISP di acquisire conoscenza dell’illiceità dei contenuti immessi sul sito e ne ha fatto scattare l’obbligo di immediata eliminazione.

Il giudice ha quindi imputato all’ISP i danni verificatisi nel periodo intercorrente tra la richiesta di spegnimento e la data di oscuramento del sito.

 

 

Fonte: altalex.com

Articoli recenti

Corte di Giustizia UE (causa C-469/17): la libertà d’informazione e di stampa non possono giustificare una deroga ai diritti d’autore al di fuori delle eccezioni e delle limitazioni previste dalla direttiva 2001/29/CE

Articolo di Priscilla Casoni Con sentenza del 29 luglio 2019, la Corte di Giustizia UE è tornata sul tema delle eccezioni e limitazioni al diritto d’autore e sull’interpretazione dell’articolo 5, comma 5, della Direttiva 2001/29/CE (sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale, Approfondimenti Continua a leggere

Responsabilità delle video sharing platform: il Tribunale delle Imprese di Roma decide dopo la sentenza della Corte di Cassazione sul caso Mediaset c. Yahoo!

Articolo di Alessandro La Rosa I Fatti I video di RTI oggetto di causa sono stati caricati sulla piattaforma francese da utenti privati a partire dal 2006 e in alcuni casi sono rimasti online fino al 2013. Una volta verificata la presenza di video non autorizzati,...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale Continua a leggere