La puntata della trasmissione televisiva “Otto e mezzo” dello scorso lunedì 14 settembre si è conclusa con un preciso annuncio del Premier Renzi: il 1° gennaio 2017 entrerà in vigore la Digital tax.
Contrariamente a quanto suggerito dal nome, non sarà una nuova tassa, bensì una normativa che assoggetta tutte le multinazionali dell’economia digitale, operanti su internet e non residenti in Italia, al pagamento di un’imposta sul reddito nel luogo in cui le transazioni e gli accordi si perfezionano.
In sostanza, la ratio della futura previsione consisterà nel far sì che i big del digitale, quali Apple, Google e Netflix, che realizzano transazioni digitali con una continuità di 6 mesi ed una significatività in termini di fatturato di almeno 5 milioni di euro annui, versino regolarmente le tasse nel nostro Paese.
Si tratta di un meccanismo antielusivo pensato nell’ottica di un’azione concertata contro l’elusione fiscale delle multinazionali, nonché finalizzato a parificare il trattamento di queste ultime rispetto a quello riservato a tutte le altre imprese italiane.
Secondo quanto dichiarato dal sottosegretario all’Economia Enrico Zanetti, la Digital tax porterà all’Erario un gettito annuo pari a 2-3 miliardi di euro.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere