E’ ufficialmente operativo lo Spid, acronimo che sta per Sistema d’Identità Digitale, con il quale si permetterà a cittadini ed imprese di accedere a tutti i servizi on-line della Pubblica Amministrazione ed usufruire di sevizi privati tramite delle credenziali uniche.

La richiesta deve essere fatta dai singoli contribuenti ai gestori dell’identità digitale: per ora l’Agid  (Agenzia per l’Italia digitale) ha accreditato, in qualità di identity provider, Telecom Italia – Poste e InfoCert.

L’obiettivo è distribuire 6 milioni di identità digitali entro fine anno e, secondo le intenzioni del Governo, tutta la PA si adeguerà al sistema unico di identità digitale nell’arco di 24 mesi. Per ora i 300 servizi attivi via SPID, sono di fatto riconducibili a tutte le amministrazioni che hanno partecipato alla sperimentazione: INPS, INAIL, diverse Regioni e Agenzia delle Entrate, mentre l’unico Comune presente (al momento) è Firenze.

Per sensibilizzare i cittadini ed invogliarli a richiedere il Pin unico l’Inps, insieme all’Agid, ha dato il via ad una campagna digitale (per la quale hanno stanziato circa 3,5 milioni di Euro e battezzata “Cittadino Digitale”) ideata appunto dal predetto Istituto e che si concretizzerà con l’invio ai contribuenti delle “buste arancioni” accompagnato dall’invito a richiedere lo Spid.

La nuova identità digitale prevede tre livelli di sicurezza. I primi due, che corrispondono alle versioni con cui si può accedere a tutti i servizi online, saranno gratis. È previsto poi un terzo livello, associato ad una smartcard (a pagamento), pensata soprattutto per i professionisti.

 

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere