E’ ufficialmente operativo lo Spid, acronimo che sta per Sistema d’Identità Digitale, con il quale si permetterà a cittadini ed imprese di accedere a tutti i servizi on-line della Pubblica Amministrazione ed usufruire di sevizi privati tramite delle credenziali uniche.

La richiesta deve essere fatta dai singoli contribuenti ai gestori dell’identità digitale: per ora l’Agid  (Agenzia per l’Italia digitale) ha accreditato, in qualità di identity provider, Telecom Italia – Poste e InfoCert.

L’obiettivo è distribuire 6 milioni di identità digitali entro fine anno e, secondo le intenzioni del Governo, tutta la PA si adeguerà al sistema unico di identità digitale nell’arco di 24 mesi. Per ora i 300 servizi attivi via SPID, sono di fatto riconducibili a tutte le amministrazioni che hanno partecipato alla sperimentazione: INPS, INAIL, diverse Regioni e Agenzia delle Entrate, mentre l’unico Comune presente (al momento) è Firenze.

Per sensibilizzare i cittadini ed invogliarli a richiedere il Pin unico l’Inps, insieme all’Agid, ha dato il via ad una campagna digitale (per la quale hanno stanziato circa 3,5 milioni di Euro e battezzata “Cittadino Digitale”) ideata appunto dal predetto Istituto e che si concretizzerà con l’invio ai contribuenti delle “buste arancioni” accompagnato dall’invito a richiedere lo Spid.

La nuova identità digitale prevede tre livelli di sicurezza. I primi due, che corrispondono alle versioni con cui si può accedere a tutti i servizi online, saranno gratis. È previsto poi un terzo livello, associato ad una smartcard (a pagamento), pensata soprattutto per i professionisti.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere