Uno studio, condotto da un team di ricercatori della Northeastern University di Boston in collaborazione con ricercatori francesi e australiani, ha evidenziato come i servizi di file hosting siano per larga parte popolati da file condivisi illegalmente.
La ricerca si è basata sull’analisi dei metadati relativi ai caricamenti avvenuti su cinque cyberlocker, FileFactory, Easy-share, Filesonic, Wupload e Megaupload, e sul servizio di recupero link Undead Links.

Fonte: puntoinformatico

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti