Oggi, 28 luglio 2015, è stata approvata ed illustrata alla Camera la versione definitiva della “Carta dei diritti di internet”.
Proposta da un gruppo di italiani già nel 2005 in occasione del World Summit on Information Society dell’Onu, fortemente voluta dalla Presidente Laura Boldrini ed elaborata dal gruppo guidato da Stefano Rodotà, la Carta è frutto anche delle integrazioni provenienti dalla consultazione pubblica indetta dopo la presentazione della prima bozza ad ottobre 2014: il prossimo step è la presentazione della stessa al Governo.
Ad oggi sono 80 gli Stati che hanno predisposto, come l’Italia, una versione di questo documento, ognuno secondo le proprie specifiche necessità, ma comunque seguendo linee guida condivise, ben riassunte dalle parole di Rodotà: “accettazione della tecnologia” e “necessità di far avanzare con essa i diritti collegati a questa evoluzione”.
Il documento non prevede regole vincolanti, ma principi comportamentali diretti a tutti i protagonisti della rete, su temi come tutela dei diritti individuali degli utenti, privacy, diritto all’oblio, neutralità, diritto d’accesso ad internet, diritti e doveri di chi diffonda conoscenza sul web.

Articoli recenti

Il Tribunale di Roma si pronuncia sulla responsabilità derivante dall’utilizzo di software in assenza di legittima licenza

Articolo di Silvia Perra Con pronuncia resa in data 8 gennaio 2020 dalla Sezione Specializzata in materia d’Impresa del Tribunale di Roma, i giudici sono tornati sull’annosa questione dell’utilizzo senza licenza di software d’altrui proprietà. La vicenda trae origine dal ricorso d’urgenza, depositato...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere

Il Tribunale di Milano impone, in via cautelare, obblighi di “stay down” agli Hosting Provider in casi di pirateria online

Articolo di Riccardo Traina Chiarini La Sezione Specializzata del Tribunale di Milano è tornata a pronunciarsi, in via d’urgenza, sui servizi “IPTV” (Internet Protocol Television) illegali, con due ordinanze (di conferma dei rispettivi decreti già emessi inaudita altera parte, e che non sono state...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere

Dopo il parere dell’Avvocato Generale, la decisione della Corte di Giustizia. La vendita di libri elettronici di seconda mano tramite un sito Internet costituisce comunicazione al pubblico soggetta all’autorizzazione dell’autore

Articolo di Silvia Perra Con la sentenza emessa in data 19 dicembre 2019 (C-263/18, raggiungibile a questo link), la Corte di Giustizia ha dichiarato che la fornitura al pubblico effettuata per il tramite di download di un libro elettronico per un uso permanente...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti Continua a leggere