Oggi, 28 luglio 2015, è stata approvata ed illustrata alla Camera la versione definitiva della “Carta dei diritti di internet”.
Proposta da un gruppo di italiani già nel 2005 in occasione del World Summit on Information Society dell’Onu, fortemente voluta dalla Presidente Laura Boldrini ed elaborata dal gruppo guidato da Stefano Rodotà, la Carta è frutto anche delle integrazioni provenienti dalla consultazione pubblica indetta dopo la presentazione della prima bozza ad ottobre 2014: il prossimo step è la presentazione della stessa al Governo.
Ad oggi sono 80 gli Stati che hanno predisposto, come l’Italia, una versione di questo documento, ognuno secondo le proprie specifiche necessità, ma comunque seguendo linee guida condivise, ben riassunte dalle parole di Rodotà: “accettazione della tecnologia” e “necessità di far avanzare con essa i diritti collegati a questa evoluzione”.
Il documento non prevede regole vincolanti, ma principi comportamentali diretti a tutti i protagonisti della rete, su temi come tutela dei diritti individuali degli utenti, privacy, diritto all’oblio, neutralità, diritto d’accesso ad internet, diritti e doveri di chi diffonda conoscenza sul web.

Articoli recenti

Corte di Giustizia UE (causa C-263/18): si torna sul tema della differenza tra diritto di distribuzione e diritto di comunicazione al pubblico di opere protette

Articolo di Priscilla Casoni Attraverso le proprie conclusioni presentate lo scorso 10 settembre, relative alla causa C-263/18 pendente davanti alla Corte di Giustizia dell’Unione europea, l’Avv. Generale Szpunar ha analizzato il tema della differenza fra diritto di distribuzione ed diritto di comunicazione al...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

La Corte di Giustizia ridefinisce gli obblighi di stay down degli hosting provider: Facebook deve rimuovere tutti i contenuti illeciti “identici” ed “equivalenti” indipendentemente dall’identità dell’autore della violazione e su scala mondiale

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 3 ottobre 2019, la CGUE ha deciso la causa C-18/18 (avevamo già dato atto del parere dell’Avvocato Generale qui). I FATTI Il 3 aprile 2016, un utente di Facebook ha condiviso, sulla sua pagina personale, un...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere