Con sentenza del 1° ottobre 2015 (causa C-230/14), la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha sancito la competenza delle Autorità garanti della Privacy dei singoli Stati membri ad emanare sanzioni nei confronti di soggetti esteri stabiliti nel territorio del relativo Stato, che abbiano commesso violazioni delle norme in materia di trattamento e circolazione dei dati personali.

Secondo quanto stabilito dalla Corte di Bruxelles, quindi, l’elemento determinante è costituito dalla configurabilità o meno, nei singoli casi di specie, dello stabilimento, ed è la Corte stessa a fornire i criteri pratici per individuarlo.

Affinché si configuri lo stabilimento è sufficiente la presenza, nel territorio dello Stato, anche di un unico rappresentante del soggetto estero, che svolga con continuità una qualsiasi attività reale ed effettiva, anche minima, quale la gestione di siti internet, il recupero di crediti, la gestione dei ricorsi amministrativi e giudiziari.

In assenza di tale presupposto, al contrario, l’Autorità nazionale non può esercitare poteri sanzionatori interni ed è tenuta a richiedere all’Autorità dello Stato cui appartiene il titolare dei trattamento incriminato di effettuare i dovuti accertamenti e comminare le eventuali sanzioni.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere