Il 21 settembre 2016 la Commissione Ue annuncerà le nuove linee guida della riforma del diritto d’autore e dei diritti connessi.

In vista del prossimo appuntamento, aumenta l’elenco dei numerosi artisti che chiedono una maggior tutela del diritto d’autore online ed una remunerazione “equa e concordata” per lo sfruttamento delle opere protette da parte dei giganti di internet. La missiva, indirizzata al presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, contiene le firme di oltre un migliaio di artisti di calibro internazionale, tra gli italiani, a titolo esemplificativo: Andrea Bocelli, Ennio Morricone e Giovanni Allevi.

Nel documento scrivono: “…Siamo di fronte ad un momento decisivo per la musica. Il consumo sta esplodendo, i fan ascoltano musica come mai prima d’ora… Tuttavia il futuro è messo in pericolo da un significativo “value gap” provocata da servizi basati sul caricamento del contenuto da parte degli utenti, tipo YouTube di Google, che di fatto sottraggono valore alla comunità musicale, agli autori e agli artisti”.

Questa presa di posizione arriva insieme a quella di 85 eurodeputati che hanno lanciato un Appello alla Commissione Ue, osservando che se i ricavi dell’industria discografica non crescono è anche per la mancanza di chiarezza delle disposizioni sul copyright e l’eCommerce .

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere