Marco Polillo, presidente di Confindustria Cultura, è intervenuto a difesa del decreto con cui il Governo ha adeguato i compensi per la riproduzione di musica e film ad uso personale su dispositivi come smartphone e tablet, il cosiddetto equo compenso.

Secondo Polillo il decreto non frenerà il mercato dell’industria digitale nel nostro paese, infatti, le statistiche effettuate in Francia, Germania, Austria, Olanda, Belgio e Svezia, dove sono già in vigore misure di tenore analogo e dove è quindi possibile misurarne l’impatto, confermano una crescita continua del settore: in Francia, nonostante il compenso di copia privata per uno smartphone vada dagli 8 ai 16 euro (contro i 4,00/5,20 euro dell’Italia), il mercato è cresciuto del 35%.

Il Presidente di Confindustria Cultura ha inoltre sottolineato che il decreto introdotto dal Governo, conferma l’applicazione di un sistema riconosciuto anche dalla Corte di Giustizia UE come “il migliore possibile“.

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere