Marco Polillo, presidente di Confindustria Cultura, è intervenuto a difesa del decreto con cui il Governo ha adeguato i compensi per la riproduzione di musica e film ad uso personale su dispositivi come smartphone e tablet, il cosiddetto equo compenso.

Secondo Polillo il decreto non frenerà il mercato dell’industria digitale nel nostro paese, infatti, le statistiche effettuate in Francia, Germania, Austria, Olanda, Belgio e Svezia, dove sono già in vigore misure di tenore analogo e dove è quindi possibile misurarne l’impatto, confermano una crescita continua del settore: in Francia, nonostante il compenso di copia privata per uno smartphone vada dagli 8 ai 16 euro (contro i 4,00/5,20 euro dell’Italia), il mercato è cresciuto del 35%.

Il Presidente di Confindustria Cultura ha inoltre sottolineato che il decreto introdotto dal Governo, conferma l’applicazione di un sistema riconosciuto anche dalla Corte di Giustizia UE come “il migliore possibile“.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere