Secondo i dati che emergono dal sondaggio pubblicato sul sito del Ministero dei Beni Culturali oltre il 50% degli italiani acquisisce frequentemente opere dell’ingegno gratuitamente da internet.

La ricerca ha messo in luce che gli strumenti più utilizzati sono nell’ordine: personal computer (86,4 %), smartphone (40,2%) e tablet (22,7%).

Il sondaggio -condotto su un campione di 1007 persone- è stato commissionato per avere un ulteriore strumento nella difficile decisione da prendere in merito all’aggiornamento delle tariffe dell’equo compenso per copia privata che devono essere rinnovate ogni tre anni e sono scadute nel 2012.

 

 

Fonte: LaStampa.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere