Secondo i dati che emergono dal sondaggio pubblicato sul sito del Ministero dei Beni Culturali oltre il 50% degli italiani acquisisce frequentemente opere dell’ingegno gratuitamente da internet.

La ricerca ha messo in luce che gli strumenti più utilizzati sono nell’ordine: personal computer (86,4 %), smartphone (40,2%) e tablet (22,7%).

Il sondaggio -condotto su un campione di 1007 persone- è stato commissionato per avere un ulteriore strumento nella difficile decisione da prendere in merito all’aggiornamento delle tariffe dell’equo compenso per copia privata che devono essere rinnovate ogni tre anni e sono scadute nel 2012.

 

 

Fonte: LaStampa.it

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere