Secondo i dati che emergono dal sondaggio pubblicato sul sito del Ministero dei Beni Culturali oltre il 50% degli italiani acquisisce frequentemente opere dell’ingegno gratuitamente da internet.

La ricerca ha messo in luce che gli strumenti più utilizzati sono nell’ordine: personal computer (86,4 %), smartphone (40,2%) e tablet (22,7%).

Il sondaggio -condotto su un campione di 1007 persone- è stato commissionato per avere un ulteriore strumento nella difficile decisione da prendere in merito all’aggiornamento delle tariffe dell’equo compenso per copia privata che devono essere rinnovate ogni tre anni e sono scadute nel 2012.

 

 

Fonte: LaStampa.it

Articoli recenti

Giudizio di confondibilità tra marchi simili: principio di effettività nell’utilizzo del marchio e rilevanza del livello di attenzione meno elevato tra il pubblico di riferimento

Articolo di Silvia Perra   Con decisione resa in data 19 settembre 2019 nel procedimento T-359/18 il Tribunale dell’Unione Europea è stato investito di una controversia avente ad oggetto il giudizio di confondibilità tra due marchi: , marchio registrato in Italia nella classe...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere

Le linee guida della Commissione Europea per l’implementazione dell’art. 17, paragrafo 4, della nuova Direttiva europea sul Copyright nel DSM (Direttiva 790/2019)

Articolo di Alessandro La Rosa Come noto, l’art. 17 della nuova direttiva sul copyright nel mercato unico digitale ha espressamente previsto che la Commissione europea, in cooperazione con gli Stati membri, organizzi dialoghi tra le parti interessate per discutere le migliori prassi per la...
Categorie Proprietà intellettuale Continua a leggere