L’Unione Nazionale dei Consumatori ha denunciato il colosso del commercio elettronico all’Antitrust  a causa di un messaggio pubblicitario che promuoveva a costo zero il servizio di consegna veloce Amazon Prime riportando, solo nelle note e a caratteri illeggibili, il fatto che dopo i primi trenta giorni di utilizzo gratuito il servizio diventava automaticamente a pagamento per la durata di un anno.

Ne è seguito l’ordine dell’Antitrust, in accoglimento della denuncia dei consumatori, di rimuovere o modificare lo spot ritenuto scorretto.

In concreto la società, impegnandosi a fornire una informativa più chiara e trasparente sul servizio Prime e sui vantaggi ad esso connessi, ha eliminato dalla pagina web l’espressione “Prova gratuita” inserendo la dicitura “Abbonati e usa Prime per 30 giorni gratis”, e modificato lo spot aggiungendo un riferimento esplicito all’abbonamento annuale.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere