L’Unione Nazionale dei Consumatori ha denunciato il colosso del commercio elettronico all’Antitrust  a causa di un messaggio pubblicitario che promuoveva a costo zero il servizio di consegna veloce Amazon Prime riportando, solo nelle note e a caratteri illeggibili, il fatto che dopo i primi trenta giorni di utilizzo gratuito il servizio diventava automaticamente a pagamento per la durata di un anno.

Ne è seguito l’ordine dell’Antitrust, in accoglimento della denuncia dei consumatori, di rimuovere o modificare lo spot ritenuto scorretto.

In concreto la società, impegnandosi a fornire una informativa più chiara e trasparente sul servizio Prime e sui vantaggi ad esso connessi, ha eliminato dalla pagina web l’espressione “Prova gratuita” inserendo la dicitura “Abbonati e usa Prime per 30 giorni gratis”, e modificato lo spot aggiungendo un riferimento esplicito all’abbonamento annuale.

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere