I colossi multimediali, Google, Facebook e Amazon generano utili in Italia ma pagano le Tasse all’estero e questa – a Fedele Confalonieri – «sembra una forma di neocolonialismo».

Proprio per tale motivo, secondo il presidente di Mediaset, l’obiettivo della web tax «era giusto: colpire forme moderne ma non per questo meno odiose di evasione».

Intervenendo poi a difesa del Regolamento emanato da AGCOM a tutela del diritto d’autore, Confalonieri ha aggiunto che la difesa della libertà della rete è un valore importante ma ciò non è sufficiente ad ignorare le serie minacce rivolte ai modelli di business di quelle aziende e di quegli operatori (autori, registi, produttori) che – soprattutto in Italia – si basano su due pilastri «il diritto d’autore e le esclusive sui contenuti».

 

 

Fonte: ANSA.it

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere