I colossi multimediali, Google, Facebook e Amazon generano utili in Italia ma pagano le Tasse all’estero e questa – a Fedele Confalonieri – «sembra una forma di neocolonialismo».

Proprio per tale motivo, secondo il presidente di Mediaset, l’obiettivo della web tax «era giusto: colpire forme moderne ma non per questo meno odiose di evasione».

Intervenendo poi a difesa del Regolamento emanato da AGCOM a tutela del diritto d’autore, Confalonieri ha aggiunto che la difesa della libertà della rete è un valore importante ma ciò non è sufficiente ad ignorare le serie minacce rivolte ai modelli di business di quelle aziende e di quegli operatori (autori, registi, produttori) che – soprattutto in Italia – si basano su due pilastri «il diritto d’autore e le esclusive sui contenuti».

 

 

Fonte: ANSA.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere