Facebook rientra nel mirino della Commissione Europea che pretende chiarimenti sull’utilizzo dei dati da parte del colosso di messaggistica istantanea WhatsApp alla luce delle modifiche alle nome sulla privacy recentemente apportate dalla società.

Viene, quindi, riaperto il conto in sospeso tra l’UE e le aziende americane che per il momento non si traduce in una vera e propria azione, seppure la Commissione abbia avvertito che vedrà “cosa fare con le risposte ricevute”, alimentando così tensioni e voci secondo le quali vi sarebbe un accanimento dell’UE nei confronti della società.

Tuttavia, dalla Commissione viene precisato che i quesiti sollevati sono perfettamente in linea con il via libera concesso due anni fa della Commissione stessa alla fusione fra Facebook e WhatsApp, a fondamento del quale vi era, appunto, la separazione dei dati tra le due piattaforme.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere