I dubbi principali della UE riguardano i risultati delle ricerche online che, privilegiando i prodotti Google, violerebbero la normativa sulla concorrenza; a tal proposito l’Antitrust ha chiesto a ‘big G’ di cercare delle soluzioni.

Le proposte finora avanzate da Google sono state considerate “inaccettabili” ed è di ieri la dichiarazione di Joaquín Almunia, commissario UE alla concorrenza, che – manifestando la propria insoddisfazione rispetto al secondo round di negoziati svoltosi su questo tema – ha invitato Google a rispondere “nelle prossime settimane, non mesi” parlando espressamente dell’ “ultima opportunità per Google di risolvere la questione”.

Se non dovesse arrivare una risposta” prosegue Almunia, “procederemo per i canali tradizionali”. Il rischio per il motore di ricerca è una multa molto saltata.

Fonte: ANSA.it

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere