I dubbi principali della UE riguardano i risultati delle ricerche online che, privilegiando i prodotti Google, violerebbero la normativa sulla concorrenza; a tal proposito l’Antitrust ha chiesto a ‘big G’ di cercare delle soluzioni.

Le proposte finora avanzate da Google sono state considerate “inaccettabili” ed è di ieri la dichiarazione di Joaquín Almunia, commissario UE alla concorrenza, che – manifestando la propria insoddisfazione rispetto al secondo round di negoziati svoltosi su questo tema – ha invitato Google a rispondere “nelle prossime settimane, non mesi” parlando espressamente dell’ “ultima opportunità per Google di risolvere la questione”.

Se non dovesse arrivare una risposta” prosegue Almunia, “procederemo per i canali tradizionali”. Il rischio per il motore di ricerca è una multa molto saltata.

Fonte: ANSA.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere