I dubbi principali della UE riguardano i risultati delle ricerche online che, privilegiando i prodotti Google, violerebbero la normativa sulla concorrenza; a tal proposito l’Antitrust ha chiesto a ‘big G’ di cercare delle soluzioni.

Le proposte finora avanzate da Google sono state considerate “inaccettabili” ed è di ieri la dichiarazione di Joaquín Almunia, commissario UE alla concorrenza, che – manifestando la propria insoddisfazione rispetto al secondo round di negoziati svoltosi su questo tema – ha invitato Google a rispondere “nelle prossime settimane, non mesi” parlando espressamente dell’ “ultima opportunità per Google di risolvere la questione”.

Se non dovesse arrivare una risposta” prosegue Almunia, “procederemo per i canali tradizionali”. Il rischio per il motore di ricerca è una multa molto saltata.

Fonte: ANSA.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere