Secondo quanto riporta il Financial Times, Facebook dovrà affrontare una class action proposta da due utenti statunitensi, avente ad oggetto l’intercettazione sistematica dei messaggi privati degli utenti ed – in particolare – i link da questi condivisi nell’ambito del servizio di messaggistica privata offerto dal sito. Le informazioni così intercettate, secondo l’accusa, verrebbero vendute agli inserzionisti pubblicitari. L’accusa afferma che “gli utenti credendo di comunicare su una piattaforma priva di sorveglianza più facilmente rivelerebbero informazioni che li riguardano e che non svelerebbero se sapessero di essere monitorati”. La class action punta a ottenere 100 dollari al giorno per il periodo in cui la privacy è stata violata ovvero 10 mila dollari per ogni utente coinvolto. Al momento, il social network si è difeso dichiarando che le accuse sono infondate.

Fonte: Il Sole 24 ore

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere