Pechino dice no all’anonimato di chi carica video in internet: è necessario conoscere nome e cognome reali degli uploaders virtuali. Questa è la posizione del SARFET, organismo governativo che vigila sui media del Paese.

La Cina non è nuova a questo tipo di proposte volte a promuovere la trasparenza. Nel dicembre 2012 è stato approvato un pacchetto di misure che ha imposto ad ogni utente di comunicare all’Internet Service Provider  i propri dati per accedere a servizi web come blog, microblog e forum online. Più recentemente, il Governo ha stabilito che chiunque voglia pubblicare qualsiasi genere di contenuto sul web deve citare la fonte di prima mano.

Tralasciando ogni interrogativo sulle reali motivazioni poste a fondamento degli interventi del governo cinese, rimane la consapevolezza che una maggiore trasparenza e tracciabilità di chi naviga nella rete è presupposto indispensabile per la prevenzione degli illeciti.

 

Fonte: Diritto Mercato e Tecnologia.it

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere