Il Digital Millennium Copyright Act, legge statunitense sul diritto d’autore on line, pone un limite a tutela della libertà di opinione.

Alla previsione dell’obbligo, in capo al provider, di rimozione del contenuto protetto entro sette giorni dalla contestazione da parte dell’avente diritto, affianca la condanna di quest’ultimo al risarcimento del danno qualora risulti un abuso di tale strumento.

L’abuso consisterebbe in una richiesta meramente finalizzata a prevenire problemi senza entrare nel merito, tanto da dare sostanzialmente luogo ad una censura.

In applicazione di tale normativa, il tribunale californiano ha riconosciuto la legittimità della pubblicazione sulla piattaforma WordPress di un comunicato stampa, destinato, per definizione, ad un’ampia circolazione.

La pronuncia, dunque, è “simbolica”, sia per l’esiguo ammontare del risarcimento cui è stata condannata l’azienda che aveva proposto l’azione, sia per il messaggio che intende trasmettere: è fondamentale un corretto utilizzo degli strumenti posti a tutela del diritto d’autore, i quali sono ben lontani dal voler costituire forme di censura.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere