La Guardia di Finanza di Venezia, su disposizione del Giudice delle indagini preliminari di Parma, ha ordinato di inibire gli accessi ai siti “scaricalibero.com” e “filmgratis.it ” ed ai loro eventuali futuri indirizzi IP gestiti da un giovane ventenne che sfruttando i banner pubblicitari posizionati  vicino a film e musica era riuscito ad incassare guadagni per 137 mila euro.

Il semplice clic sui banner (alcuni dei quali anche molto noti, come Google e PayPal), spesso anche involontario contribuiva ad accrescere i profitti del giovane.

Il ragazzo ha patteggiato, ma ha rischiato gli venisse inflitta una condanna di un anno e dieci mesi di reclusione; i genitori, che secondo gli inquirenti hanno tratto vantaggi economici per circa 48 mila euro, sono invece stati condannati ad 11 mesi di reclusione per ricettazione.

Questo caso conferma e avvalora l’importanza di bloccare le inserzioni pubblicitarie sui siti illegali. A tal proposito IAB, FPM e Fapav hanno siglato nei giorni scorsi un importante Memorandum of Understanding con l’obiettivo di colpire al cuore la pirateria, tagliando i profitti che alimentano il business criminale online.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere