La Guardia di Finanza di Venezia, su disposizione del Giudice delle indagini preliminari di Parma, ha ordinato di inibire gli accessi ai siti “scaricalibero.com” e “filmgratis.it ” ed ai loro eventuali futuri indirizzi IP gestiti da un giovane ventenne che sfruttando i banner pubblicitari posizionati  vicino a film e musica era riuscito ad incassare guadagni per 137 mila euro.

Il semplice clic sui banner (alcuni dei quali anche molto noti, come Google e PayPal), spesso anche involontario contribuiva ad accrescere i profitti del giovane.

Il ragazzo ha patteggiato, ma ha rischiato gli venisse inflitta una condanna di un anno e dieci mesi di reclusione; i genitori, che secondo gli inquirenti hanno tratto vantaggi economici per circa 48 mila euro, sono invece stati condannati ad 11 mesi di reclusione per ricettazione.

Questo caso conferma e avvalora l’importanza di bloccare le inserzioni pubblicitarie sui siti illegali. A tal proposito IAB, FPM e Fapav hanno siglato nei giorni scorsi un importante Memorandum of Understanding con l’obiettivo di colpire al cuore la pirateria, tagliando i profitti che alimentano il business criminale online.

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere