Igor Seoane, padrone della più nota piattaforma di trasmissione delle partite calcistiche in streaming, è stato arrestato oggi a La Coruña. I motivi ancora non sono chiari, ma il capo del sito era indagato da alcuni mesi a seguito delle denunce di una serie di catene televisive a pagamento (Canal+ fra tutte) per la violazione di diritti d’autore.

La piattaforma, creata nel 2005, è stata oggetto di inchieste giudiziarie in tutto il mondo, Italia compresa. Più volte oscurata, continuava a riapparire con domini differenti.

Un giro d’affari che secondo le stime si aggirava intorno ai due milioni di euro grazie, in particolare, alle agenzie di scommesse online.

Tuttavia, i gestori del sito si giustificano nel definire il loro ruolo quale mero “intermediario” poiché sono gli utenti stessi a segnalare i link utilizzabili per vedere le partite.

Una difesa che, evidentemente, non ha convinto l’autorità giudiziaria.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Linking: l’autorizzazione iniziale alla pubblicazione dell’opera ritenuta necessaria dalla giurisprudenza europea

Articolo di Alessandro La Rosa Negli ultimi anni, in tema di diritto d’autore sono sorte interessanti problematiche anche con riferimento all’attività di “linking” tra diversi siti. Tralasciando la definizione tecnica, il link costituisce probabilmente l’elemento centrale della comunicazione online attraverso cui è possibile navigare...
Categorie Proprietà intellettuale, Approfondimenti, Homepage Continua a leggere