A pochi giorni dall’entrata in vigore del Decreto Franceschini sull’equo compenso per la copia privata, Apple ha già adeguato i suoi listini: 4,76 euro in più su un iPhone 5s da 32 Gb, 3,54 euro in più su un iPad, sempre da 32 Gb.

Apple Italia non si è nascosta ed ha ammesso che l’incremento dei prezzi è stato effettuato proprio per compensare le nuove tariffe per il copyright previste dal decreto.

Non si è fatta attendere la reazione del Ministro della Cultura e del Turismo, Dario Franceschini, che attraverso Twitter, dopo aver osservato che analoghi aumenti dei prezzi non si sono registrati in altri paesi europei dove la misura del compenso per copia privata è anche maggiore di quanto non sia nel nostro paese, ha concluso “Apple fa pagare la copia privata solo ai suoi clienti italiani”.

Articoli recenti

Pubblicazione in rete di opera fotografica a fini didattici e scopo di lucro: il parere dell’Avvocato Generale UE

Articolo di Alessandro La Rosa Non costituisce un atto di messa a disposizione del pubblico l’inserimento nel sito Internet di un istituto scolastico, senza fini lucrativi e con la citazione della fonte, di un lavoro didattico che include un’immagine fotografica alla quale qualsiasi internauta...
Categorie Giurisprudenza Corte di Giustizia, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere