Obama ha chiesto alla Federal Comunication Commission di tutelare la neutralità della Rete.

Secondo il presidente degli Stati Uniti Internet deve essere considerato come un’utenza. “La Fcc è un’agenzia indipendente. Ritengo dovrebbe creare nuove regole per tutelare la neutralità della rete e assicurare che né le società via cavo né quelle telefoniche siano in grado di intervenire limitando quello che si può fare e vedere online”.

Si tratta di un’opinione in controtendenza con l’orientamento della Fcc che – con i provvedimenti approvati lo scorso mese di maggio – sembrava invece intenzionata ad aprire la strada ad accordi fra provider e siti per una “corsia preferenziale” a fronte di un pagamento extra.

In buona sostanza l’autorità americana era favorevole a consentire a colossi come Google, Facebook e Netflix di raggiungere accordi con i providers, per assicurarsi che i propri contenuti potessero raggiungere i consumatori più velocemente, rispetto a quelli dei concorrenti, a fronte di un pagamento maggiorato.

Tale orientamento è stato invece respinto da Obama che ha rilevato: “È arrivato il tempo che la Fcc riconosca che la banda larga ha la stessa importanza e comporta gli stessi impegni che si prendono per altri servizi vitali”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere