Obama ha chiesto alla Federal Comunication Commission di tutelare la neutralità della Rete.

Secondo il presidente degli Stati Uniti Internet deve essere considerato come un’utenza. “La Fcc è un’agenzia indipendente. Ritengo dovrebbe creare nuove regole per tutelare la neutralità della rete e assicurare che né le società via cavo né quelle telefoniche siano in grado di intervenire limitando quello che si può fare e vedere online”.

Si tratta di un’opinione in controtendenza con l’orientamento della Fcc che – con i provvedimenti approvati lo scorso mese di maggio – sembrava invece intenzionata ad aprire la strada ad accordi fra provider e siti per una “corsia preferenziale” a fronte di un pagamento extra.

In buona sostanza l’autorità americana era favorevole a consentire a colossi come Google, Facebook e Netflix di raggiungere accordi con i providers, per assicurarsi che i propri contenuti potessero raggiungere i consumatori più velocemente, rispetto a quelli dei concorrenti, a fronte di un pagamento maggiorato.

Tale orientamento è stato invece respinto da Obama che ha rilevato: “È arrivato il tempo che la Fcc riconosca che la banda larga ha la stessa importanza e comporta gli stessi impegni che si prendono per altri servizi vitali”.

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere