La prima sezione penale della Corte di Cassazione, con un’ordinanza depositata ieri, ha chiesto alle Sezioni Unite di stabilire se, nel caso di indagini per diffamazione, “sia ammissibile il sequestro preventivo, mediante oscuramento, anche parziale, di un sito web” e in caso di risposta affermativa, se “sia ammissibile il sequestro preventivo, mediante oscuramento, della pagina web di una testata giornalistica telematica registrata”.

La questione si è posta nell’ambito di un giudizio in cui la difesa del ricorrente lamentava che tale oscuramento avrebbe costituito “lesione del diritto costituzionale di manifestazione del pensiero e della libertà di stampa”. La prima sezione penale, per evitare il sorgere di un contrasto giurisprudenziale ha investito della questione le Sezioni Unite.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere