Secondo il New York Times, la società di Mark Zuckerbeg sta per stringere un accordo con i principali gruppi editoriali statunitensi, tra i quali lo stesso New York Times, BuzFeed e National Geographic, che permetterà agli utenti di Facebook di poter leggere gli articoli direttamente sulla propria homepage anziché facendosi indirizzare al giornale on-line che ha pubblicato la notizia.

Se il colosso di Menlo Park ha un così grande interesse verso le notizie giornalistiche una ragione c’è: secondo una ricerca del Media Insight Project l’88% dei Millennials (ossia i nati dopo il 1980) è informato sugli accadimenti del mondo tramite Facebook e il 44% di essi consulta il social network più volte al giorno per tenersi aggiornato.

Pensando a quanto accaduto tra Google News e i maggiori editori spagnoli, questa evoluzione del mercato giornalistico non sarà irrilevante.

Sembra interessante notare che, secondo le prime indiscrezioni, i ricavi pubblicitari innescati dai click degli utenti, seppur sul sito di Facebook, dovrebbero in ogni caso essere incassati dagli editori.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page

Articoli recenti

Cloud computing e copia privata: la sentenza della Corte di Giustizia UE. Illecita la riproduzione dell’operatore “attivo”

Articolo di Alessandro La Rosa Con l’attesissima sentenza pubblicata lo scorso 29 novembre, avente ad oggetto la causa promossa da VCAST Limited (Vcast) contro Reti Televisive Italiane s.p.a. (“RTI” – società del Gruppo Mediaset), la Corte di Giustizia UE (Causa C-265/16), ha chiarito che...
Categorie Commenti, Proprietà intellettuale, Homepage, Articoli Continua a leggere