È stata approvata l’8 gennaio la prima bozza del Codice di Autoregolamentazione per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo.

Al tavolo, presieduto dal Vice Ministro dello Sviluppo economico Antonio Catricalà, partecipano rappresentanti delle Istituzioni (Mise, Agcom, Polizia postale e delle comunicazioni, Autorità per la privacy, Garante per l’infanzia e Comitato media e minori), delle Associazioni (Confindustria digitale, Assoprovider ecc.) e degli operatori (Google, Microsoft ecc.).

La bozza, composta da cinque articoli, è indirizzata agli operatori che forniscono servizi di social networking, ai fornitori di servizi on line, di contenuti, di piattaforme User Generated Content e social network e prevede l’attivazione di appositi meccanismi di segnalazione di episodi di cyberbullismo, al fine di prevenire e contrastare il proliferare del fenomeno.

Tutto ciò, attraverso sistemi di segnalazione “adeguatamente visibili (..) semplici e diretti” e meccanismi di risposta alle segnalazioni “azionati in termini di tempi di rimozione dei contenuti lesivi non superiori alle 2 ore dall’avvenuta segnalazione”.

Gli operatori aderenti potranno inoltre “promuovere e attuare apposite politiche che consentano alle Autorità competenti di risalire all’identità di coloro che utilizzano il servizio per porre in essere comportamenti discriminatori e denigratori con l’intento di colpire o danneggiare l’immagine e/o la reputazione di un proprio coetaneo”.

Il Codice rimarrà online sul sito del ministero sino al 24 febbraio 2014 allo scopo di consentire una consultazione pubblica e, dunque, permettere a tutti gli interessati di inviare i propri contributi ed osservazioni.

Codice_cyberbullismo_8 gennaio_2013

Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico

 

 

Articoli recenti

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere