Proposta di Regolamento del PE e del Consiglio che garantisce la portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online nel mercato interno – COM (2015) 627 del 9.12.2015

Il Regolamento è stato pubblicato nella GU dell’UE del 30 giugno 2017, è entrato in vigore il 20 luglio u.s. e si applicherà a decorrere dal 20 marzo 2018.

Il testo è incentrato sul doppio principio della residenza stabile e della residenza temporanea dell’utente, a fronte del quale il provider avrebbe un vero e proprio obbligo di rendere possibile la portabilità dei contenuti (film, musica, eventi sportivi, e-book, e articoli di stampa) agli acquirenti, ciò per garantire a questi ultimi di poter fruire dei propri abbonamenti anche in fase di mobilità da uno Stato Membro all’altro dell’Unione. L’obbligo imposto non sembra coinvolgere le modalità di negoziazione delle licenze tra detentori dei diritti e terzi (ad es. le emittenti televisive o i fornitori di servizi audiovisivi su internet a livello nazionale) che, pertanto, potranno continuare ad essere rilasciate anche su base territoriale. (http://www.dimt.it/index.php/it/notizie/16110-digital-single-market-quali-riforme-per-il-diritto-d-autore)

http://eur-lex.europa.eu/procedure/IT/2015_284?qid=1501669423132&rid=1

Articoli recenti

Corte di Giustizia UE (causa C-469/17): la libertà d’informazione e di stampa non possono giustificare una deroga ai diritti d’autore al di fuori delle eccezioni e delle limitazioni previste dalla direttiva 2001/29/CE

Articolo di Priscilla Casoni Con sentenza del 29 luglio 2019, la Corte di Giustizia UE è tornata sul tema delle eccezioni e limitazioni al diritto d’autore e sull’interpretazione dell’articolo 5, comma 5, della Direttiva 2001/29/CE (sull’armonizzazione di taluni aspetti del diritto d’autore e...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale, Approfondimenti Continua a leggere

Responsabilità delle video sharing platform: il Tribunale delle Imprese di Roma decide dopo la sentenza della Corte di Cassazione sul caso Mediaset c. Yahoo!

Articolo di Alessandro La Rosa I Fatti I video di RTI oggetto di causa sono stati caricati sulla piattaforma francese da utenti privati a partire dal 2006 e in alcuni casi sono rimasti online fino al 2013. Una volta verificata la presenza di video non autorizzati,...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale Continua a leggere