L’Osservatorio Web e Legalità ha partecipato alla consultazione dell’UE in tema di “Notizie false e disinformazione online”, evidenziando la propria posizione a sostegno del valore e dell’importanza della legalità sul web.

L’Associazione si è espressa a favore di una maggiore responsabilizzazione degli intermediari nell’acquisizione di dati più precisi sugli utenti, che possano poi essere –a determinate condizioni- messi a disposizione dell’autorità giudiziaria e dei titolari dei diritti lesi. Tra i principali temi affrontati, quello dell’anonimato che, ad oggi, protegge e agevola l’utente nella commissione di attività illecite in un modo totalmente diverso da quanto accade nei media tradizionali.

Si è inoltre sottolineato come progetti di contrasto alla diffusione di fake news quali il fact checking lanciato da Facebook appaiono pericolosi, poiché attribuiscono a soggetti privati, selezionati arbitrariamente, il potere di scegliere quali notizie meritino una posizione “alta” nel news feed di Facebook, andando ad incidere sulla diffusione di dette notizie e realizzando in fondo forme indirette di censura.

Infine, si auspica che livello legislativo vengano imposti precisi obblighi di registrazione e acquisizione documentale in capo ai provider, al fine di identificare facilmente gli autori materiali degli illeciti e consentire ai soggetti lesi di difendere i loro diritti in via giurisdizionale.

Articoli recenti

La messa in rete di una fotografia precedentemente pubblicata, senza restrizioni, necessita sempre dell’autorizzazione del titolare del diritto d’autore

Articolo di Alessandro La Rosa Con sentenza del 7 agosto 2018 (C-161/17 – Land Nordrhein-Westfalen contro Dirk Renckhoff) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata, positivamente, sulla questione “se la messa in rete su un sito Internet di una fotografia precedentemente pubblicata,...
Categorie Giurisprudenza, Proprietà intellettuale Continua a leggere

Tribunale delle Imprese di Roma: la pubblicazione delle opere di Mediaset attraverso Dailymotion deve essere autorizzata

Articolo di Alessandro La Rosa Già lo scorso 22 febbraio, con provvedimento emesso inaudita altera parte, il Tribunale delle Imprese di Roma aveva ordinato a Dailymotion, video sharing platform francese controllata al 100% dal Gruppo Vivendi, di rimuovere immediatamente tutti i video estratti dal...
Categorie Giurisprudenza, Normativa, Proprietà intellettuale, Diritto europeo Continua a leggere